Approccio

Il colloquio di consulenza alimentare un incontro di due esperti. Da una parte il cliente, che l'esperto della sua alimentazione e porta le sue conoscenze alimentari, dall'altra il dietista che l'esperto del lato tecnico. Ne scaturisce una collaborazione attiva, che continua anche dopo la fine del colloquio, tra un incontro e l'altro.

Il primo colloquio dedicato ad analizzare la domanda rispetto all'alimentazione, le aspettative della persona, e vuole determinare gli obietti prioritari sui quali lavorare.

L'auto osservazione del proprio comportamento alimentare indispensabile per chi desidera riflettere sulla gestione del proprio peso corporeo. Permette di uscire dall'atto automatico di mangiare per  prendere distanza dalle proprie abitudini e portarvi un'attenzione diversa. Ad esempio identificare, differenziare e infine utilizzare le proprie sensazioni alimentari, per mangiare in "piena coscienza", con tutti i sensi, uno strumento potente a nostra disposizione per attuare dei cambiamenti.

L'alimentazione equilibrata  secondo i gruppi di alimenti (ref: Societ Svizzera di Nutrizione, www.sge-ssn.ch) e le linee guida delle societ scientifiche,  sono la base dei consigli alimentari forniti.

I consigli forniti dal dietista si basano su conoscenze scientifiche, attualizzate grazie ai continui aggiornamenti annui obbligatori,  richiesti al dietista ASDD.